Come diventare arbitro

Vuoi

Diventare un

arbitro di calcio?

Prova un esperienza che unisce sport e valori sani

Qualsiasi nazionalità
Image is not available
Ambo i sessi

dai 15 ai 35 anni

Qualsiasi nazionalità

qualsiasi sesso

qualsiasi sesso

qualsiasi sesso

Chi può diventare ARBITRO

Cosa fare per diventare un arbitro?

Qualsiasi nazionalità
Image is not available
Ambo i sessi

Seguire un corso

Superare un test di idoneità atletica

Superare una Prova orale

Superare una Prova orale

Superare una Prova orale

COME DIVENTARE ARBITRO

Cosa aspetti

Se non hai ancora le idee chiare

Il modulo può essere consegnato direttamente in sezione o inviato tramite e-mail

Iscriviti al corso

previous arrow
next arrow
Slider

corso_arbitri_1516Possono partecipare gratuitamente tutti i candidati di ambo i sessi che siano cittadini della Comunità Europea, con documento di identità valido, ed i cittadini extra comunitari, dotati anche di regolare permesso di soggiorno, che abbiano compiuto alla data dell’esame il 15° anno di età e non abbiano compiuto il 35° anno.

Al termine del corso, riceverete la tessera per l’accesso gratuito in tutti gli stadi d’Italia; per i ragazzi che frequentano scuole superiori, con l’opportuna richiesta in segreteria, riceveranno un’attestazione che permetterà di avere una credito formativo; ogni partita è rimborsata. Dopo aver superato positivamente l’esame, ed essere inquadrati come Arbitri Effettivi, oltre alla normale attività tecnica arbitrale, si richiede a tutti i nuovi Associati di partecipare almeno due volte al mese alle canoniche Riunioni Tecniche Obbligatorie, che si terranno tutte presso la nostra Sezione e che vedranno in veste di relatori, importanti personaggi della grande famiglia dell’AIA. Dal momento del superamento dell’esame, si è ufficialmente un Arbitro dell’Associazione Italiana Arbitri FIGC e, pertanto, dalle domeniche successive si inizierà ad arbitrare nella prima categoria dell’arbitraggio, i ”Giovanissimi”. Durante le prime gare gli Arbitri saranno accompagnati da un “Tutor” che insegnerà loro il disbrigo delle pratiche burocratiche nonché la parte referendaria del dopo gara.

Al termine del Corso il candidato dovrà sostenere una prova di ammissione all’esame, prova che prevede dei test scritti ed orali sul Regolamento del Giuoco del Calcio ed un test di idoneità atletica.

ESAME FINALE

Prova atletica

La prova pratica verrà effettuata nei giorni antecedenti l’esame finale su un terreno di gioco, con la presenza di un preparatore atletico degli arbitri che farà sostenere ai candidati (in tenuta di allenamento – pantaloncini – maglietta e scarpe da ginnastica), alcuni esercizi ginnici, spostamenti sul terreno di gioco e corsa alle varie velocità. Resta inteso che i candidati dovranno presentare prima della prova pratica il certificato di idoneità all’attività agonistica. Al termine delle prove il preparatore atletico compilerà una scheda, predisposta dal Settore Tecnico ed approvata dal Comitato Nazionale, con la valutazione fisicoestetica del candidato ed un giudizio di idoneità. Detta valutazione farà parte integrante della prova di esame.

Prova scritta/orale

La prova scritta verterà su una serie di domande inerenti argomenti trattati durante il corso ed, in particolare, su una serie di test tecnici/associativi riguardanti il “Regolamento del Giuoco del Calcio” ed il “Regolamento AIA”. Il colloquio con la commissione esaminatrice verterà sul “Regolamento del Giuoco del Calcio” e sugli argomenti trattati durante il corso.



Sito Web realizzato da Simone Assante per la Sezione di Frosinone
come-diventare-arbitro-aia-frosinone