Osservatori: il nostro raduno a Vitorchiano

16 Settembre 2009


 
Si ricomincia! Il raduno di inizio stagione segna, come ogni anno, il punto di partenza per una nuova stagione che ci porterà sui campi di gioco del Lazio a scoprire nuovi talenti e rivederne di vecchi, tutti pronti e desiderosi di raggiungere nuovi traguardi.
Il viaggio è più lungo del solito e con i colleghi di sezione si programma il viaggio con attenzione, perché il ritardo è sempre dietro l’angolo, ma in fondo si scopre che anche Vitorchiano non è poi così lontano.
Raggiunto l’Hotel “Piccola Opera” c’è appena il tempo per registrarsi e ritirare la documentazione con la polo griffata CRA Lazio che si ci immerge nella riunione in aula magna. A fare gli onori di casa il neo presidente Nazzareno Ceccarelli coadiuvato dai componenti del nuovo Comitato Regionale di fronte ad una platea composta dalla “top class” degli Arbitri ed Osservatori della nostra regione.
Il presidente è un fiume in piena ed illustra gli obiettivi e le novità della stagione alle porte, fissandone i punti salienti: trasparenza, passione, semplicità e soprattutto senso del gruppo.
Siamo tutti trascinati dal vortice delle sue parole che sanno motivare i giovani che si apprestano a dirigere i nostri massimi campionati. Tutto ciò aumenta sempre più in noi la carica e la consapevolezza dell’importanza di dare sempre il massimo quando sarò chiamato a valutare e consigliare questi colleghi nel corso delle tanto attese visionature che concorreranno significativamente alla definizione delle graduatorie di chi potrà aspirare alla promozione all’OTN. Tra le novità stagionali apprendiamo che già alla prima giornata del massimo campionato regionale vi saranno ben due esordi!!! Un segno forte che deve essere da stimolo ai nuovi e sprone per fare sempre meglio da parte dei più “esperti” tra i quali alcuni “non selezionabili” avranno un importante ruolo di “chioccia” nei confronti dei colleghi più giovani. Il grande impegno che attende la nuova commissione è sottolineato poi dal fatto che tutte le gare della prima di campionato saranno visionate da OT ed Osservatori. Per dare poi il un senso concreto alla citata trasparenza c’è poi una novità che scopre quel velo di mistero legato alla presenza o meno dell’osservatore e per questo gli arbitri al momento di ricevere la designazione sono stati informati anche circa il nominativo dell’osservatore che avrebbe seguito la propria prestazione, tutto con la massima semplicità e naturalezza che testimonia la maturità del gruppo.
La mattina trascorre presto tra l’illustrazione delle novità regolamentari e gli interventi degli ospiti e tra un consiglio ed un augurio è già arrivata l’ora del pranzo. La pausa ci permette di ritrovare vecchi amici con cui si sono condivisi raduni e riunioni, per conoscerne di nuovi, salutare il collega visionato la scorsa stagione magari in occasione di un tanto atteso esordio. Siamo tutti carichi e motivati ma il tempo passa in fretta e dopo il necessario caffè gli arbitri lasciano il raduno pronti per iniziare una nuova emozionante stagione.
Inizia così la riunione a noi riservata e si parte in bellezza con i nuovi test regolamentari. Nuovi soprattutto per le modalità di risposta che riserva 30 secondi per ogni domanda, per questo sei minuti e tutto è compiuto con risultati ottimali dato che oltre l’80% dei colleghi hanno risposto correttamente a tutte le domande, a conferma della preparazione di questo gruppo che come ogni anno si arricchisce di nuovi elementi che vengono presentati dal presidente Ceccarelli che introduce poi gli interventi dei due incaricati nel programma UEFA “Talent Mentor” Gianfranco Cicuti e Roberto Bellosono (quest’ultimo vecchia conoscenza per molti osservatori dei quali è stato responsabile fino a 4 anni fa) che ci ha ricordato che noi dovremo “fare crescere gli arbitri e mantenere vivo il loro entusiasmo”.
Con il suo intervento il componente del Comitato Nazionale Umberto Carbonari ha voluto augurarci buon lavoro, ricordandoci l’importanza di trasmettere la nostra esperienza ai giovani arbitri condividendo con loro la passione ed il rispetto delle regole.
Prende nuovamente la parola il Presidente che con la proverbiale passione ed entusiasmo ci illustra quali dovranno essere i criteri di valutazione dei colleghi sottolineando l’importanza della naturalezza, della determinazione e la costanza nell’arbitraggio. La commissione si attende molto da noi, delle risposte chiare e scelte coraggiose in relazione alle gare visionate, ricordando sempre che per svolgere adeguatamente il nostro ruolo bisogna sempre profondere impegno, costanza, dedizione e completa disponibilità. Vivere con l’arbitro la tensione e l’emozione della gara per poter comprendere il momento il momento che vive.
Arriva quindi il momento del duo Capri – Ubertini, che ci guiderà per questa stagione, che provvedono alla consegna delle designazioni per la prima giornata di campionato cui seguono le necessarie raccomandazioni di natura tecnica e comportamentale e modalità operative, sottolineando poi l’importanza dell’aspetto comportamentale per l’osservatore che va dal raggiungere per tempo il campo di gioco per verificare come il collega effettua le operazioni pre gara ed entrare adeguatamente nel clima della stessa, comunicare il voto e trasmettere la relazione nei tempi e modi previsti.
A conclusione di questa straordinaria giornata son cresciute in noi le motivazioni e l’amore per il ruolo nella certezza che con le nostre capacità di giudizio contribuiremo crescita dei nostri arbitri e sapremo proiettarli verso nuovi obiettivi, perché è innegabile che il più grande successo della nostra attività passa attraverso quello dei giovani colleghi.
 
Paolo Iaboni

Lascia un commento

Devi eseguire il login per inserire un commento.


Sito Web realizzato da Simone Assante per la Sezione di Frosinone
osservatori-il-nostro-raduno-a-vitorchiano